Wine Fashion: un vestito di vino al giorno toglie i batteri di torno

La notizia ha fatto il giro del mondo ed è arrivata anche in Italia direttamente dalla Terra dei Canguri. Pare infatti che nell’ormai lontanissimo 2007, un gruppo di ricercatori italiani abbia trovato il modo di trasformare il vino in un tessuto.

Non contenti dell’invenzione, il team di scienziati ha dato un nome alla nuova texture organica: Micro’be’. Si, perché il nettare degli Dei è indossabile solo dopo una lunga fermentazione a contatto con il batterio Acetobacter, responsabile della trasformazione dell’alcol in aceto, ma anche novello creatore di fibre simil-cellulosa con applicazioni nel fashion.

Il vestito ha lo stesso colore del vino rosso, non fosse altro che è stata utilizzata quella varietà per produrlo. Tuttavia, presto potremmo andare in giro vestiti con una tonalità vino bianco o in un elegante color Guinness (la birra).

Fonte:Style.it

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


6 − = cinque